Antonio Ferrara intervista Marco Siena


È ospite per “Uno sguardo oltre la siepe” Marco Siena. Conosciamolo insieme.

1 Chi è Marco Siena per Marco Siena?
Se guardo a Marco Siena oggi, rispetto a quello di anni fa, vedo una persona che è finalmente uscita da un sorta di letargo. Credo di aver realizzato parte dei miei progetti di una vita, in una manciata di anni, cosa davvero incredibile. Ho tenuto le passioni a freno per così tanto tempo, senza però aver mai gettato la spugna veramente. Ora vedo un Marco Siena che ha appena iniziato un entusiasmante cammino, accompagnato dalla famiglia e da una cerchia di amici meravigliosi.

2 Come ti è venuta in mente la follia di scrivere?
Potrei dire che l’idea mi è venuta naturale, come capita spesso a chi è un forte lettore. In realtà è stata un folgorazione che ho avuto da ragazzino guardando la tv. Ricordo la figura di uno scrittore, davanti a un camino, un bicchiere di whisky accanto e la macchina da scrivere davanti. Mi sono detto: “quella è la cosa che  vorrei fare”. Così, quando crescendo mi sono accorto di avere storie da raccontare, ho compreso che potevo avere una sola strada per dar loro vita, cioè metterle su carta.

3 Le nove stelle?
L’idea base, che non è molto cambiata in realtà, mi è venuta più o meno nel 2003, ascoltando una canzone di Loreena McKennitt che si chiama The Old Ways. L’immagine contenuta, mi ha fatto scattare la molla per l’incipit del romanzo. Volevo ricreare la scena di due persone che ballano sulla spiaggia, davanti a un mare in tempesta. Qualcosa però li avrebbe separati inaspettatamente. Non mi rimaneva che costruire il resto e così ho buttato giù la prima scaletta, rimasta in una cartella del pc per anni, finché non ho visto il concorso della Butterfly Edizioni. Una cosa curiosa, è che le stelle del titolo, e il titolo stesso, sono stati inseriti quasi alla fine della prima stesura, non essendo previsti nell’idea originale. Mi sembrava funzionasse e l’ho aggiunta.

4 Edizione cartacea o eBook?
Direi entrambe. Credo che ci sia spazio per il cartaceo quanto per il digitale. A casa mia puoi trovare scaffali pieni di edizioni cartacee, molte in edizione rigida perché se posso prendo sempre la prima uscita. Però vedrai accanto a me anche un e-reader, uno dei migliori acquisti che abbia fatto nel 2012. Spero che un giorno questa diatriba si esaurisca, e la gente capisca finalmente che l’ebook non ucciderà il cartaceo. Mi auguro solo che il prezzo del digitale scenda, sennò quello potrebbe essere un deterrente per gli acquirenti.

5 Il libro che consiglieresti di leggere?
Domanda non facile, perché ho almeno 5 titoli che amo  Dovendo rispondere a freddo, direi La Strada di Cormac McCarthy. Dico sempre che se alla sua età, riuscirò a scrivere un capolavoro del genere, mi potrò dire un buono scrittore. In poche pagine, con una tecnica fatta di immagini e brevi scambi di battute, si avverte l’angoscia di un padre che guarda il triste destino suo, ma soprattutto del figlio. Da genitore, ammetto di essermi commosso fino alla fine.

6 L’ultimo libro che hai letto?
Il Ragazzo dei Mondi Infiniti di Neil Gaiman e Michael Reaves. Ammiro molto Gaiman, ed è uno dei miei autori preferiti. Qui l’ho trovato purtroppo sottotono.

7 Pubblicare con un “grande” editore è impossibile o cosa per un giovane autore oggi?
Non voglio sembrare presuntuoso, ma in questo ultimo anno ho maturato la convinzione di non desiderare affatto di pubblicare con un grande editore. Temo che non troverei lo stesso ambiente che mi ha accolto nel mondo della piccola e media editoria. Magari mi sbaglio, ma credo che non avrei il controllo sulla mia opera come ho adesso, né troverei lo stesso spirito di collaborazione. Se da un lato potrebbe essere una soddisfazione vedere il mio nome su un hard cover con sovraccoperta e un cartonato pubblicitario dedicato, dall’altro avrei paura di vedere uscire un prodotto non mio al 100%. Comunque penso che non sia impossibile arrivare a un grande editore, ma si tratterebbe oltre che di talento, anche di una serie di circostanze favorevoli.

8 Concorsi letterari. Ci si può fidare? Servono?
Ho partecipato negli ultimi due anni a diversi concorsi e mi hanno aiutato a crescere, ma soprattutto a conoscere altri autori con cui confrontarmi. Ricordo l’impazienza degli inizi, la delusione nel vedere i lavori scartati o in fondo alle classifiche. Negli ultimi invece, avevo più curiosità di leggere i lavori degli altri e tutto ciò che c’era intorno, dai commenti nei forum alle premiazioni. Posso affermare quindi che servono molto come esercizio e palestra, ma soprattutto per entrare in contatto con il mondo della scrittura. Se poi si vince un concorso con in palio la pubblicazione, com’è capitato a me per dire, beh, queste sono delle vere occasioni per tentare il colpo.

9 Come scrivi? Quando scrivi? Dove scrivi?
Scrivo sempre e solo al pc, mai a mano. Ho una calligrafia orrenda e poca pazienza. Prima del pc usavo una vecchia Olivetti, perché avevo già capito che la penna non faceva per me. Ora scrivo nel mio studio, prevalentemente nel week end, ma se mi capita di avere qualche idea che preme per essere scritta subito, ho un portatile in salotto, così posso scrivere e stando con la mia famiglia durante la settimana.

10 Come nasce la tua passione per le storie dell’orrore?
Sono il terzo figlio in famiglia, con la sorella di mezzo appassionata di horror come me. In più avevo un cugino che passava l’estate a casa nostra, poco più grande di me. Anche lui aveva la passione per l’horror e durante le serate estive guardavamo tutto ciò che passava in tv. Crescendo, ho notato che non potevo allontanarmi dal genere, nemmeno provandoci. A volte può capitare che le mie storie non siano horror nel vero senso della parola, ma perlomeno un elemento paranormale o straordinario, deve esserci. In fondo, l’orrore è nella vita di tutti i giorni, anche se magari non lo notiamo.

11 Qualche anticipazione su qualche tuo progetto futuro?
Ho da poco finito la revisione di un romanzo che scrissi lo scorso autunno e da cui prende il titolo anche il mio blog, Prima di Svanire. Dopo averlo fatto leggere a persone di fiducia, quelli che leggono sempre i miei lavori, sono pronto a proporlo. Nel frattempo sto portando avanti la stesura di un nuovo romanzo, dal titolo provvisorio di Iniezione. Sarà un lavoro particolare, in cui l’horror si mescolerà all’ironia, a un’ambientazione stile vittoriano e a parecchi elementi tipici dello steampunk. Speriamo che funzioni.

12 Perché comprare Le nove stelle?
È difficile per me dare una motivazione personale, quindi posso riportare i pareri di chi lo ha letto. Dicono che sia un libro che cattura e che ti tiene incollato, senza darti respiro. Si ha voglia di girare le pagine e vedere cosa succederà dopo, facendosi rapire dal giro della vite, stile che ho usato per scriverlo. Il mix thriller e horror, è riuscito bene, e dovrebbe soddisfare diversi palati, anche quelli di chi ama le sfumature rosa.

13 Cosa vuol fare da grande Marco Siena?
Innanzitutto, spero di continuare la strada della scrittura. Potendo scegliere ovviamente vorrei farlo di mestiere, e per questo proverò se possibile a passare le Alpi, cercando di essere pubblicato all’estero. Se ciò non avverrà, continuerò a scrivere e a portare avanti il lavoro che per ora mi dà da vivere. La cosa importante, è continuare senza avvilirsi.

Grazie per essere stato mio ospite

Grazie a te per l’ospitalità.

Marco Siena Website

About these ads

Informazioni su Antonio Ferrara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 229 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: