Weird Tales Books


weird tales books il giardino di adomphaLa paura torna in edicola con una raccolta di racconti weird e horror.

Weird Tales Italia e FunFactory Entertainment presentano a tutti gli appassionati di horror, e non solo a loro, un nuovo interessantissimo progetto chiamato Weird Tales Book. Il primo numero della collana è intitolato Il giardino di Adompha e raccoglie otto racconti di autori nazionali e internazionali.

Come si legge dal comunicato: “Weird Tales Book è un progetto editoriale che ha l’ambizione non solo di promuovere la diffusione della migliore letteratura di genere, pubblicando, riproponendo e lanciando quelli che sono ritenuti gli autori rappresentativi del weird contemporaneo, ma di presentarsi come officina di un nuovo horror di qualità.”

Questa nuova collana, curata da Luigi Boccia, affianca la pubblicazione della rivista Werid Tales, storica testa americana approdata in Italia da poco più di un anno. Ogni volume di Weird Tales Book sarà distribuito in tutte le edicole al prezzo di 9.90€ e includerà una cartolina da collezione per gli appassionati della storica rivista americana.

Nel primo volume sono pubblicati:

  • Clark A. Smith, Il giardino di Adompha
  • H.P. Lovecraft, Aria fredda
  • Luigi Boccia, L’uomo coyote
  • Marco De Franchi, Domus Nigra
  • Chris Ward, L’uccello della professoressa Ito
  • Paolo Di Orazio, Dal primo all’ultimo sangue
  • Dario Tonani, I mattatoi del cielo
  • Nicola Lombardi, I burattini di mastr’Aligi
Annunci

Informazioni su Antonio Ferrara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: